Benvenuto

Questo è il nostro Diario di Pesca.
Qui vengono postate, divise per categorie, tutte le nostre uscite. Sono presenti anche sezioni per notizie, tecnica, regolamenti e sessioni di pesca precedenti la nascita del blog (2006).
_____________________________________________________________________________________________________
_____________________________________________________________________________________________________

Sezioni

_____________________________________________________________________________________________________

sabato 19 dicembre 2009

BUONE FESTE A TUTTI COLORO CHE CI SEGUONO




volevamo fare un particolare augurio di buone feste, a tutti voi che ci sostenete e che seguite con passione le nostre avventure.... il FLY OUT team al completo VI AUGURA BUON NATALE E UN FELICE ANNO NUOVO (speriamo ricco di catture e di nuovi rekord),ma sopratutto pieno di voglia di pescare! ! ! che a noi, di certo non manca! ! !
un ringraziamento particolare a carphunter.andrea ( da carpmercatino), che ha avuto la brillante idea di trasformare l'albero di natale, nel pod di natale!!!il prossimo natale tutti i carpisti al posto dell'albero addobberanno a festa il loro pod anche dentro alle nostre case!!!!!!!!!!!! cosi possiamo aggiungere anche le lucine ! ! ! ! ! !

lunedì 14 dicembre 2009

Pikefishing: dalla barca viene meglio! 13 Dicembre 2009

La pesca itinerante sposata due anni fa continua a dare i suoi frutti. Dopo due pescate da riva in bianco, alla prima uscita in barca catturiamo 3 lucci che fanno ben sperare per la stagione invernale 2009-10 appena iniziata. La giornata inizia presto: c'è da caricare barca ed attrezzatura, arrivare sul posto e montare; in più le giornate sono corte...la sveglia alle 5:15 va bene! A quell'ora le temperature sono negative, ma dopo poco il tempo volge al nuvoloso ed appena in barca...nevica. Lory ha appena lanciato i suoi inganni ed il mio siliconico, al secondo lancio, viene aggredito da dietro e per poco non ci lascia la coda; durante l'attacco l'esocide esegue una rollata a filo d'acqua e si slama. Poco dopo, con lo stesso artificiale aggancio un altro pesce ma si slama anche questo. Sembrerebbe che il vivo sia poco produttivo ma il tempo intanto cambia rapidamente: esce un pò di sole e l'esca naturale ha la meglio (come quasi sempre). Due violente affondate del galleggiante per due lucci che, chiusa la stagione del ciprinide, risvegliano il fascino del predatore.


La giornata finisce con la pioggia (tanto per cambiare), ma è sempre il vivo che va a segno...l'ultimo luccio della giornata.

lunedì 7 dicembre 2009

Carpe Giganti

Avvelenate le acque del canale artificiale di Chicago

Gli Usa contro le carpe cinesi giganti

Per fermare l’emigrazione dei pesci esotici dal Mississippi ai Grandi laghi. Barriere elettriche insufficienti

WASHINGTON - Per fermare l’emigrazione delle pericolose carpe cinesi giganti dal Mississippi ai Grandi laghi, e così salvare altre specie ittiche e proteggere la navigazione, il Genio civile americano ha completamente avvelenato le acque del Canale artificiale di Chicago, uno dei miracoli della ingegneria del primo Novecento. Da giovedì, il genio raccoglie migliaia di pesci morti nel canale che, tramite anche a un suo tributario, collega il poderoso fiume al lago Michigan. L’operazione, che si concluderà dopodomani, è stata ordinata da Jennifer Granholm, la governatrice dello Stato del Michigan, ed è appoggiata dalle Associazioni dei verdi.


VELENO - Il ricorso al veleno si è reso necessario quando il Genio ha scoperto che le barriere elettriche erette nel canale contro le carpe cinesi giganti, e costate 9 milioni di dollari, non bastavano più. Per ora le barriere verranno rafforzate, ma non è escluso che il canale e il tributario del Mississippi, il Des plaines, debbano essere chiusi, con una spesa di centinaia di milioni di dollari. Le carpe cinesi giganti, voraci e distruttive delle altre specie, raggiungono un metro e mezzo di lunghezza e un peso di 45 chili. Al suono dei motori delle barche, compiono balzi di oltre due metri fuori dall’acqua: spesso le danneggiano, o colpiscono chi è a bordo, provocandogli fratture, incidenti che hanno allarmato le autorità e attratto l’attenzione dei media. Nel Mississippi sono un problema insolubile, e si teme che se popolassero i Grandi laghi porrebbero fine all'industria della pesca, che ha un fatturato di 7 miliardi di dollari annui, e che ne ostacolerebbero la piccola navigazione.



CARPE ESOTICHE - In America le normali carpe, di taglia molto inferiore, furono introdotte nel XIX secolo. Quelle cinesi giganti vennero importate quaranta anni fa dagli allevatori di pesci del Mississippi per ripulire gli allevamenti, ma fuggirono durante alcune successive inondazioni. Da allora, sono emigrate in massa verso il nord moltiplicandosi e invadendo tra gli altri il fiume Illinois. All’operazione del Genio civile nel canale artificiale di Chicago, seguita in diretta a molte tv da un’America attonita, hanno preso parte 300 uomini provenienti da ogni regione dei Grandi laghi, compreso il Canada. In attesa dei suoi risultati, la governatrice Granholm ha sollecitato il Genio civile a bloccare temporaneamente tre chiuse presso Chicago da cui passano battelli provenienti dal Mississippi. Il Genio ha ammonito che se il fiume e i Grandi laghi, da cui Chicago e altre città traggono l’acqua potabile, non fossero più comunicanti, l’ambiente ne soffrirebbe. In particolare ha ricordato che attualmente le discariche metropolitane finiscono nel Mississippi tramite il canale. Se finissero nel lago Michigan lo inquinerebbero.

Dal Corriere della Sera del 07.12.2009

lunedì 30 novembre 2009

Carp Fishing: 28 - 29 Novembre 2009

Il fine settimana non è iniziato nel migliore dei modi: era stata programmata una uscita sul fiume Tevere in una piazzola privata di un amico di Alessio ma non è stato possibile.
Abbiamo calato tutte le lenze prima che la luce del giorno ci abbandonasse per poi montare tutto il campo.
Come al nostro solito la parola d'ordine è stata diversificazione ed allora abbiamo posizionato gli inganni sia a ridosso della vegetazione (le mie tre canne) sia al centro del lago (le canne di Alessio)
Alle 2:00 c'è stata la prima partenza che prontamente abbiamo portato a guadino: si trattava di una bellissima carpa a specchi di modeste dimensioni.

A seguire si è scatenato il putiferio, ovvero siamo stati oggetto di un violento temporale con fortissimo vento: non abbiamo dormito più di un ora cosecutivamente tra le false partenze dovute al vento, la pioggia, ed infine una bella scardola che ogni tanto bippava sulla mia canna.
Poi altre tre partenze rispettivamente due a centro lago ed una a ridosso dei fiori di loto ma tutte slamate appena dopo la ferrata: subito è tornata alla memoria l'ultima battuta del 2008 su questo lago che ci ha visti oggetto di 6 partenze senza nessuna cattura ....
Per fortuna non è stato così ed alle 0:30 di domenica notte abbiamo fatto la cattura della big della battuta, una bella carpa regina.

Per chiudere la battuta alle 17:00 di domenica altra partenza sulla canna a ridosso della vegetazione (innescata con boiles al pesce) di una piccola carpa a specchi dai colori e forme spettacolari: per sfortuna però la corsa per andare a ferrare ha causato una mia caduta a terra (o meglio nel fango fino al gomito) e con un braccio ho colpito il mio pod causando la rottura di un supporto della scimmietta e la piegatura di un braccetto posteriore del cavalletto!!!!!
La prudenza non è mai troppa!!!!!!

.... maggiori dettagli su FlyOut Details ...

martedì 24 novembre 2009

La crudeltà del nostro sport

Catch and release....facile a dirsi, ed anche facile a farsi per chi, come noi, abbraccia in pieno l'etica pura della pesca moderna.
In realtà il nostro sport lo ereditiamo da una pratica necessaria all'uomo quando da questa ne ricavava la sua fonte di alimento, oggi che questa non è più una necessità ci inventiamo una giustificazione che cerca di alleggerire una pratica crudele perchè è diventata solo uno sport.
Pensiamoci bene... per quanto applichiamo tutti gli accorgimenti del caso utili all'incolumità del pesce, resta il fatto che noi, esseri evoluti ed assoluti proprietari di questo pianeta, per il solo gusto di accettare una sfida con la natura, che noi chiamiamo pesca, ci arroghiamo il diritto e la facoltà di catturare un pesce ed, elevandoci ad unici proprietari del potere assoluto, a liberarlo dando dimostrazione della nostra immensa pietà.
Però la pesca è questo ed è già tanto essere arrivati fino a qui, il rispetto del pesce fino ad un livello quasi maniacale è un traguardo che ci fa onore ma a pensarci bene nasconde anche aspetti meno onorevoli.
Io a questo ci penso spesso e me lo porto dentro come un fardello di cui, come pescatore, non potrò mai liberarmi.

lunedì 23 novembre 2009

CarpFishing 19 - 22 Novembre 2009

Il freddo è pungente le temperature sono basse e le gelate sono all'ordine del giorno nelle pescate invernali.
Incuranti del ghiaccio, del vento gelido, delle poche ore di luce naturale siamo ancora con gli inganni pronti ad insidiare le BIG del lago: poco movimento anzi ... tutto fermo purtroppo.

Il gruppo è al completo, o quasi, manca solo il mitico Fabio.
Come detto però le carpe sono molto statiche e non si è visto nessun minimo movimento; stessa sorte per altri compagni di pesca in altri spot che hanno condiviso il nostro stesso destino.

Però la pesca è questa: lunghe lunghissime attese aspettando .... il niente!!!
Per nostra fortuna, però, il carp fishing non è solo questo ed allora salsicciata con carne alla brace, battaglie al gioco delle carte e chiacchiere (quelle tante) all'insegna dello stare bene insieme!!!

.... maggiori dettagli su FlyOut Details ...

martedì 10 novembre 2009

Carpfishing: 7-8 Novembre 2009

Più testardi che mai: Lorenzo Luna Giordano ed Alessio (che ha preso anche un giorno di ferie per prendere più pioggia).
Ebbene si, partenza di venerdì mattina per iniziare questo fine settimana alla ricerca di belle baffone.
Grazie alla mitica Vitara di Alessandro (che nonostante i venti centimetri di fango appiccicoso, e nonostante il carrello super pieno di attrezzatura a traino) siamo arrivati a circa 50 – 70 metri dalla postazione e da qui tutti i viaggi in su ed in giù ad arrancare (con le mane e con le zampe) come su una pista di ghiaccio o di sapone ovvero due passi in avanti ed uno scivolando indietro… ed il tutto sotto una pioggia battente e continua…. non ti dico niente!!!!.
La notte è arrivata presto ma alle 19:30 avevamo preparato tende e canne e quindi tutto pronto per affrontare le difficilissime acque del lago.
Alle 5 di mattina abbiamo catturato una carpa di 12,5 Kg , non bellissima a vedersi ma con un capoccione cosi...

Il sabato ci siamo svegliati ed abbiamo trovato sui monti circostanti uno strato di neve caduta nella notte, ma tutto è proseguito con una bellissima giornata con sole e pochissimo vento … fantastico …. ma sapevamo tutti che sarebbe durato poco!!!
Prima dello scendere del sole abbiamo riposizionato tutti gli inganni e più fiduciosi che mai abbiamo aspettato il buio della notte.
Siamo stati in piedi fino alle 23:30 ma nulla di fatto ed allora tutti in branda con l’augurio che ci saremmo rivisti da li a poco, magari grazie alla partenza di una carpa!
Così non è stato: alle 05:00 abbiamo avvertito le prime gocce di pioggia che timidamente cadevano sulle tende ma è alle 06:00 che si è scatenato il putiferio: un vento fortissimo proveniente da una direzione strana per questo lago (da Ovest) ci ha colpito diretti causando un bel casino (il mio ombrellone strappato).
Ma non è finita qui: alle 07:00 un suono strano, leggero, ovattato colpiva le tende…. era neve!!! Eravamo in mezzo ad una nevicata fantastica che da noi appena attaccava ma che sulle montagne ha depositato un bel po di neve!!!
La giornata iniziava con il sorriso sulle labbra, almeno fino a che abbiamo visto i nostri colleghi della postazione accanto che si fotografavano con un bellissimo esemplare di carpa regina di enormi dimensioni (sicuramente sopra i 15 Kg).



.... maggiori dettagli su FlyOut Details ...

lunedì 2 novembre 2009

Carpfishing: 30 Ottobre - 1 Novembre 2009

Luna piena ….. nostra nemica!!!


Ore 16:15 arrivo e la situazione è critica tra freddo e le molte postazioni occupate: in ogni caso inizio subito a sistemare le mie cose e tra il montaggio della tenda, dell’ombrellone e la sistemazione delle canne riesco a mettermi in pesca a notte inoltrata. L'attività dei nostri amici pinnuti è quasi ridotta a zero, ed anche i salti notturni, dei quali il lago è famoso, sono stati rari; solo il freddo ha fatto da padrone portando le temperature a -2,5 venerdì e ben -4,00 sabato notte colorando tutto il materiale (tenda, pod, ombrellone…) di un bianco brillante proprio come le foto presenti sulle riviste che trattano il carpfishing estremo. Ormai è noto, la luna piena influisce negativamente sull’alimentazione dei pesci ed anche questa volta la regola è stata rispettata, senza eccezioni!!!

Non è rimasto che gustarsi questi spettacolari colori che solo l'autunno sa donare...




.... maggiori dettagli su FlyOut Details ...

Carpfishing: 24-25-26 Ottobre

Le carpe dopo la tempesta.

Ebbene si,venerdi 24 nonostante le condizioni meteo che al momento della partenza avrebbero intimorito chiunque, il trio Alessio Lorenzo e Giordano partone per un fine settimana di pesca.
Al momento dell’arrivo ad attenderci c’erano solamente pioggia e fango, che ci hanno accompagnato in questa battuta per altre 24 ore senza tregua. Il posto è sempre quello, quello che quest’anno ci ha regalato molte soddisfazioni.
Iniziamo a preparare il campo senza battere ciglio e poi caliamo gli inganni a quasi notte ormai.
La prima notte passa tranquilla, pioggia a parte, i nostri segnalatori non danno segno di vita.
La mattina del 25 ci svegliamo sotto la pioggia incessante, alle tre del pomeriggio il maltempo ci concede una tregua e decidiamo di calare gli inganni con più accuratezza visto che il giorno prima non era stato possibile.
La pioggia ci lascia e al tramonto il cielo mostra i primi segnali di un miglioramento che sarà costante fino alla fine della nostra sessione.
A mezzanotte appena entrati in tenda, l’urlo del segnalatore della canna di Alessio con boile green, ci fa balzare fuori e ci regala una bella comune di 13 kg


e proprio mentre Alessio riposiziona la canna sul pod arriva il turno di Lorenzo che ci regala un'altra bella comune di 11 kg.

Torniamo in tenda felici e contenti, con il morale alle stelle dopo una prima fase di sconforto a causa del meteo e per le voci che ci erano giunte da nostri amici pescatori, che davano il lago in un momento di staticità quasi totale. Alle 5 e 45 sul far giorno, ci sveglia il (dolce) suono del segnalatore, è il turno di Giordano, che ottiene il suo nuovo record (che spera di riaggiornare a breve) con un'altra bella comune di 11,5 kg.
Torniamo in tenda e alle 11 e 30 ci svegliamo in compagnia di una bellissima giornata che non ci regala altri pesci, ma che ci consente di asciugare l’attrezzatura e smontare il campo con molta tranquillità.

Gran bel fine settimana, senza grandi prede ma visto l’inizio di questa avventura siamo tutti molto soddisfatti.

A presto,molto presto .......!!!!.

Carpfishing 20-25 Ottobre 2009

I giorni disponibili per la sessione sono 3.
3 bei giorni di ferie da piazzare dentro la settimana per goderseli appieno senza il casino del weekend.
I giorni in questione sono quelli che vanno dal 20 Ottobre anche se inizialmente dovevano essere quelli dal 13.
La decisione del luogo di pesca è già difficile poichè Lory parteggia per un lago, sostenuto dai risultati ottenuti quest'anno, mentre io sono più propenso per un altro, vista la deludente ultima sessione del team in quel posto, ma soprattutto poichè il fenomeno del forte movimento di pesce che si era verificato 2 settimane prima per l'arrivo dei primi freddi, si sarebbe dovuto verificare ad altitudini inferiori con qualche giorno di ritardo. In ultimo, poi, non mi piace fossilizzarmi solo su un posto, ci servono dei termini di paragone prima di poter decidere di frequentare costantemente un lago, e poi quale miglior occasione per pescare in un lago pressatissimo se non una sessione infrasettimanale che ti consente di sceglierti il posto?
Compagno d'avventura è Marco che la pensa come me cosicchè alle 8.30 di martedì 20 Ottobre, a -3.5°C, siamo sulle sponde del lago a scrutare l'acqua. La posta migliore è occupata fino alla domenica successiva dagli unici pescatori presenti, peraltro conoscenti di Marco, che si prendono tutta la parte alta del lago, che si è rivelata la più produttiva della sessione.
Marco pesca a ridosso di quest'area, a 10m dalle lenze dei vicini, io mi prendo il resto del lago finchè non ci sono altri pescatori, quando arriveranno, cambierò.
Come al solito Differenziare è la parola d'ordine e noi cerchiamo di soddisfare tutte le combinazioni possibili.
Le notizie di catture multiple dei nostri vicini, tutte ottenute a ridosso della sponda opposta dove l'acqua alzava almeno 1 grado in più, ci fanno ben sperare. Alle 16.30, era appena arrivato Lory, l'innesco di Marco fa centro. Il combattimento avviene dalla barca, di giorno è fantastico, le ripartenze del pesce le vedi dalla treccia che corre via, lenta, sulla superficie dell'acqua lasciando dietro di se solo la scia di bollicine d'aria che il pesce rilascia per testimoniare la sua presenza, perchè non è ancora ora di farsi vedere...non ancora. Va via come un treno, è difficile fermarla, ma non c'è bisogno di forzarla anche se le Greys lo permetterebbero, siamo al centro del lago e Marco fa comadare Lei. Quando finalmente la vedo capisco....ma non confesso la verità, dico:"sarà 14-15kg"...mento. Solo quando è dentro al guadino esulto!
Marco capisce tutto solo quando Lei è sul materassino, scoperta finalmente da quella rete che l'ha accolta allo stremo delle forze.
é il suo personal best ed è felice, felicissimo...non si riprenderà più fino alla fine della sessione.

L'atmosfera è alle stelle, siamo solo all'inizio, abbiamo calato solo da 4 ore e davanti a noi c'è solo ottimismo.

Alle 19 circa una partenza sulle canne di Lory ci sorprende, ancor di più quando il pesce strappa il finale nuovo da 35lb... "per il modo strano col quale si difendeva poteva essere un bel luccio", questo il commento di Lory.
Alle 22.30 circa Lory ci abbandona e dopo 20 min. una bella regina di 12.5kg abbocca ancora a centro lago. Il combattimento di notte dalla barca è mozzafiato, una delle carpe più combattive che ho incontrato.

Alle 5.33 è la riva opposta che ci regala una regina di circa 8kg, ma è al centro lago che si muove il pesce più grande ed alle 6.14 una regina di circa 13kg cede alle nostre boilies.



La prima notte è passata, le temperature minime si sono registrate la sera precedente intorno alle 22 quando il termometro registrava 4.8°C. Domani è previsto l'arrivo di una perturbazione che porterà pioggie, oggi è una bella giornata di sole.
I pesci si cominciano a muovere alle 19.10 con una bella regina da 11kg, poi alle 23.18 un'altra da 10kg, registriamo un pesce slamato e, alle 4.24 del 22, una piccola ma bellissima specchi.




Piove...per me è arrivato il tempo di chiudere, faccio in tempo a vedere Marco alle prese con una tinca, catturo un luccetto che attacca la tiger mentre recupero la canna e me ne vado... lascio Marco che rimarrà fino a domenica catturando altre 3 carpe sui 10kg.


...Lo sapevo che non sarei stato deluso...

martedì 27 ottobre 2009

QUALCHE ANNO Fà.....







Era il lontano 2006 quando decidemmo di passare il ferragosto alla diga vicino casa…
Zaino in spalla, e via sulla riva opposta a pasturare a suon di cucchiaione.. mais, mais e ancora mais…le sponde del lago sembravano quelle di un campeggio,e i cappotti suonavano il silenzio e l’amaro di tutti i pescatori, anche il nostro…ma noi non ci arrendemmo e tutti i giorni la “sfacchinata a piedi”proseguiva…oltre 30 kg di mais in 3 giorni..ma non udimmo nemmeno un “beep” come del resto tutti gli altri…alla levata della terza notte di cappotto fabio esclamò: facciamo questa notte, e se va come le altre, torniamo a casa in anticipo!! Io confermai le sue parole… ma non sapevamo che….arrivò il REKORD delle piccole taglie che tale lago regala!!!
Nell’ultima notte programmata…
Una magnifica regina di oltre 14 kg al fianco di una 12 kg, entrambe contornate da altre 5 reginette popolanti di tale lago!!
Eravamo un pochino invidiati…ma una volta tanto è toccata a noi,ed eravamo felici!!!!

lunedì 26 ottobre 2009

CarpFishing: 17 e 18 Ottobre

Freddo e neve .....

... ma soprattutto tramontana!!!!!

.... maggiori dettagli su FlyOut Details ...

mercoledì 14 ottobre 2009

CarpFishing: 9 - 10 - 11 Ottobre 2009

E' in arrivo il freddo ..... ma quello vero!!!
Nel frattempo SI PESCA!!!
Schieramento quasi al completo (purtroppo manca il primo socio-fondatore nonchè mio fratello, nonchè grande carp-man il mitico Lucio).
Comunque ci siamo difesi molto bene e la battuta rimarrà nei nostri pensieri per molto tempo!!
Bellissimo pesce di oltre 18 Kg per Lorenzo.



Fantastico pesce per Marco di 14,5 Kg per Marco.



Quasi 13,00 Kg per questi magnifici pesci.


Davvero una battuta da ricordare

.... maggiori dettagli su FlyOut Details ...

lunedì 5 ottobre 2009

CarpFishing: 3- 4 Ottobre 2009

Neanche il freddo ci ferma ed allora pesca!!

Temperatura minima della notte 3,5°


Niente di eccezionale ma non è andata così male.

.... maggiori dettagli su FlyOut Details ...

mercoledì 30 settembre 2009

carpfishing: guardate cosa combinano i nostri amici 25 26 27 9 2009





sono propio dei BIRBANTI...mentre io studio e gli altri lavorano...

Il trio.. Luca,Alessio e Giordano vanno a caccia di BIG!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

e ci riescono molto bene....
nonostante la sfortuna li ha accompagnati in numerose slamate, oltre la conquista di queste tre meraviglie che popolano le misteriose acque di questo bacino...
che dire...............CONGRATULAZIONI RAGAZZI!!!!!



martedì 29 settembre 2009

CarpFishing 26 e 27 Settembre 2009


... maggiori dettagli su Flyout-details ...