Benvenuto

Questo è il nostro Diario di Pesca.
Qui vengono postate, divise per categorie, tutte le nostre uscite. Sono presenti anche sezioni per notizie, tecnica, regolamenti e sessioni di pesca precedenti la nascita del blog (2006).
_____________________________________________________________________________________________________
_____________________________________________________________________________________________________

Sezioni

_____________________________________________________________________________________________________

lunedì 3 novembre 2008

Lago di Corbara: 01 Novembre 2008

Era tempo che sapevamo delle innumerevoli catture che si fanno da quasi un mese nel lago, ma non eravamo mai andati.... però alla fine ci siamo riusciti.
Mattinata da "horror" tra temporali e vento fortissimo, ma nonostante questo e nonostante siamo arrivati che era ancora buoio, abbiamo trovato i posti migliori occupati: sotto al ponte prima della diga lato sinistro e sotto alla diga lato destro.
Abbiamo optato (ero in compagnia dello chef Alessandro) per andare all'angolo della prima insenatura lato destro della diga.
E' stata una battuta difficile in quanto abbiamo avuto a che fare con una miriade di tentativi di attacco da parte di piccoli perca che riducevano in brandelli i miei inneschi; i nostri vicini pescando con dei mini-mini pesciolini riuscivano a portare a riva (e quindi in padella) quei neonati e qui abbiamo capito di che entità sono le super mattanze di cui si parla.
In ogni caso abbiamo fatto le due catture (almeno penso) più interessanti del giorno ovvero due esmplari di 1 e 1,300 Kg e 6 o 7 di quelli piccolini.
C'è da fare qualche considerazione nel senso che sembra osceno portare a casa degli esemplari così piccoli (parliamo di misure che si aggirano sui 20-25 cm dal peso di circa 200-250 gr) perchè la legge parla chiaro (non esiste limite di misura bensì limite di 15 capi giornalieri) si può fare anche se anti-sportivo; però c'è anche l'altro aspetto ovvero che questa miriade di lucioperca devastano la fauna del lago attaccando tutto ciò che gli si trova davanti senza avere l'effettiva necessità di cibo; questo l'ho constatato subendo continuamente attacchi manifestati da piccole tocche sul cimino per poi non portare a termine l'attacco.
Le esche più grandi sono state riportate a riva senza pinne, senza squame e soprattutto senza vita: attaccavano gli inneschi solo per il piacere di uccidere.... chissà....
Comunque giornata tutto sommato positiva!

Nessun commento: