Benvenuto

Questo è il nostro Diario di Pesca.
Qui vengono postate, divise per categorie, tutte le nostre uscite. Sono presenti anche sezioni per notizie, tecnica, regolamenti e sessioni di pesca precedenti la nascita del blog (2006).
________________________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________________________

Sezioni

________________________________________________________________________________________________

mercoledì 15 luglio 2009

La serietà della nostra stampa!!!

Sfogliando le prime pagine delle principali testate giornalistiche nazionali ecco cosa si riesce a trovare:
Corriere della Sera del 14 Luglio

In una solo giornata il pesce ha morso sei turisti e ne ha spediti due all'ospedale
Svizzera, catturato il «mostro lacustre»
Una sandra ha terrorizzato i bagnanti del lago Maggiore


MILANO - Lo avevano soprannominato il «mostro del Lago Maggiore» ed era diventato velocemente lo spauracchio dei tanti bagnanti che ogni weekend affollano lo specchio d'acqua che si trova tra l'Italia e la Svizzera. Alla fine una squadra di poliziotti svizzeri, armata di fiocina e di tanta buona volontà, si è immersa nel lago ed è riuscita a catturare e a uccidere questa sandra di otto chili che nella sola giornata di sabato aveva morso ben 6 turisti, spedendone due all'ospedale con ferite che sfioravano i 10 cm. Domenica mattina, invece, prima che fosse acciuffato, il pesce, lungo 80 cm, aveva attaccato anche un sub della polizia, perforandogli la muta.

SQUILIBRI ORMONALI - Inizialmente i sub hanno cercato di prenderlo con le reti, ma è stato tutto inutile. Quindi hanno optato per la fiocina e una volta catturata, la sandra è stata offerta in pasto ai turisti che, nonostante il pericolo del "mostro marino", affollavano in massa uno dei campeggi di Tenero, sulle sponde del lago. Tutti quelli che lo desideravano hanno potuto assaggiare un boccone di questa specie ittica che è molto ricercata dai pescatori per la squisitezza delle sue carni. La sandra, conosciuta anche col nome di «lucioperca», è un pesce d'acqua dolce, appartiene alla famiglia del persico di cui ricorda vagamente la forma e la colorazione. È un predatore e ha denti molto aguzzi. Secondo Fabio Croci, a capo del team di sub che si è messo alla caccia del "mostro del Lago Maggiore" probabilmente, il comportamento del pesce è stato causato da «squilibri ormonali» che lo avrebbero reso incredibilmente aggressivo: «È davvero raro che le sandre mordano esseri umani» ha spiegato Croci ai media locali.

Francesco Tortora
14 luglio 2009

-------------------------------------------

Complimenti a Francesco Tortora: peccato che abbia sbagliato lavoro in quanto gornali li dovrebbe vendere invece di scriverli perchè LUI non è un giornalista bensì un giornalaio

4 commenti:

elux ha detto...

e se fosse vero? chissà se un giorno anche noi, come i pesci, con tutti gli ormoni che ingeriamo (quelli dati agli animali di allevamento e che forse anche la nostra sandra ha ingerito) andremo mordendo a destra e a manca tutti quelli che ci stanno vicino.....o forse sta già succedendo?...

Mr.Grasshopper ha detto...

Squilibri ormonali... Chissà, forse nei dintorni c'è qualche allevamento di bestiame. E come sappiamo negli allevamenti agli animali vengono somministrati, tra le altre cose, anche ormoni per farli crescere di più e più in fretta. Poi queste sostanze vengono in parte espulse dall'organismo negli escrementi. E da lì possono contaminare le acque.

The Big Pike ha detto...

Non credo possibile che sia vero!
E' come dire che una animale perdesse l'istinto della caccia e soprattutto della preda: ad esempio un falco che invece di nutrirsi di piccoli roditori o piccoli volatili iniziasse ad attaccare mucche o elefanti.

The Big Pike ha detto...

Per nostra fortuna invece gli animali sono più intelligenti: attaccano sempre la preda più vecchia o in difficoltà per ridurre al massimo gli sforzi e la perdita di energia che comporta un attacco.
Per carità tutto può succedere, ma risulta più facile credere che questi giornalisti ci raccontano molte cazzate!!